La riabilitazione neurologica è un programma supervisionato da un medico progettato per persone con malattie, lesioni o disturbi del sistema nervoso. La riabilitazione neurologica può spesso migliorare la funzione, ridurre i sintomi e migliorare il benessere del paziente.

Quali condizioni possono trarre vantaggio dalla riabilitazione neurologica?

Lesioni, infezioni, malattie degenerative, difetti strutturali, tumori e disturbi del sistema circolatorio possono compromettere il sistema nervoso. Alcune delle condizioni che possono beneficiare della riabilitazione neurologica possono includere:

  • Disturbi vascolari, come ictus ischemico (causato da coaguli di sangue), ictus emorragico (causato da sanguinamento nel cervello), ematoma subdurale e attacchi ischemici transitori (TIA)
  • Infezioni, come meningite, encefalite, poliomielite e ascessi cerebrali
  • Trauma, come lesioni al cervello e al midollo spinale
  • Disturbi strutturali o neuromuscolari, come paralisi di Bell, spondilosi cervicale, sindrome del tunnel carpale, tumori cerebrali o del midollo spinale, neuropatia periferica, distrofia muscolare, miastenia grave e sindrome di Guillain-Barré
  • Disturbi funzionali, come mal di testa, disturbi convulsivi, vertigini e nevralgie
  • Disturbi degenerativi, come il morbo di Parkinson, la sclerosi multipla, la sclerosi laterale amiotrofica (SLA), la malattia di Alzheimer e la corea di Huntington

Un programma di riabilitazione neurologica è progettato per soddisfare le esigenze individuali, a seconda del problema specifico o della malattia. Il coinvolgimento attivo del paziente e della famiglia è fondamentale per il successo del programma.

L’obiettivo della riabilitazione neurologica è aiutare a tornare al più alto livello di funzionalità e indipendenza possibile, migliorando nel contempo la qualità generale della vita – fisicamente, emotivamente e socialmente.

Per aiutare a raggiungere questi obiettivi, i programmi di riabilitazione neurologica possono includere:

  • Aiutare con le attività della vita quotidiana (ADL), come mangiare, vestirsi, fare il bagno, andare in bagno, scrivere a mano, cucinare e le pulizie di base
  • Attività per migliorare la mobilità (movimento), il controllo muscolare, l’andatura (camminare) e l’equilibrio
  • Programmi di esercizio per migliorare il movimento, prevenire o ridurre la debolezza causata dalla mancanza di utilizzo, gestire la spasticità e il dolore e mantenere la libertà di movimento
  • Consulenza nutrizionale
Open chat
Chiedi consiglio al tuo fisioterapista!