Riabilitazione dell’anca, dopo intervento, fisioterapia, fisiokinesiterapia a Genova

Riabilitazione dell’anca, consigli utili, fisioterapista a genova

Dolore in lieve flessione anca

Com’è fatta l’articolazione dell’anca?

L’articolazione dell’anca è un’articolazione sferica ed è formata dall’acetabolo e dalla testa del femore. La superficie ossea di questi due partner articolari è ricoperta da uno strato di cartilagine, che consente alle due ossa di muoversi senza attriti nell’articolazione. Il labrum, un anello di cartilagine fibrosa sul bordo dell’acetabolo, assicura che le due ossa rimangano collegate tra loro attraversate da uno spazio vuoto. 

Come ogni articolazione, l’articolazione dell’anca è circondata da muscoli. I muscoli assicurano stabilità nell’articolazione e forniscono la forza per eseguire i movimenti. Soprattutto, i muscoli glutei all’esterno della gamba sono molto importanti per i fianchi. Stabilizza l’articolazione e il bacino durante la deambulazione.

Quando si verifica un danno articolare, la causa più comune è l’artrosi. Nell’osteoartrite, lo strato cartilagineo nell’articolazione viene consumato, causando un doloroso attrito tra l’osso e l’osso. Il corpo cerca di guarire se stesso ma non è in grado di produrre nuova cartilagine. Si creano invece i cosiddetti osteofiti: depositi sull’osso (come una gamba in eccesso) che provocano ancora più irritazione e dolore durante il movimento. 

trattamento fisioterapico, mobilizzazione anca

Un tessuto sano con un flusso sanguigno intatto e normali funzioni metaboliche delle cellule è il miglior prerequisito per una buona guarigione

Preparazione fisica per l’operazione di protesi d’anca

Per il successo dell’operazione all’anca, è importante presentarsi all’operazione nel modo più sano e in forma possibile. Migliore è la salute generale, più agevoli saranno l’operazione e la guarigione. Con la costruzione muscolare mirata e, se si è in sovrappeso, una precedente perdita di peso, può creare le condizioni ottimali per la tua nuova articolazione.

Importanti micronutrienti e vitamine migliorano le capacità di guarigione del tuo corpo. Con una dieta equilibrata e un apporto mirato di importanti vitamine e oligoelementi, puoi migliorare le condizioni per una guarigione delle ferite senza complicazioni in modo mirato.

Raccomandazioni dietetiche

Nel periodo che precede l’operazione è opportuno prestare particolare attenzione ad una sana alimentazione. È stato dimostrato che la terapia nutrizionale mirata prima e dopo l’intervento riduce la durata della degenza, abbassa il tasso di complicanze e promuove la guarigione e la rigenerazione delle ferite. Durante l’operazione si verifica una notevole perdita di proteine ​​a causa della perdita di sangue e delle secrezioni della ferita, quindi 14 giorni prima dell’intervento potresti assumere integratori proteici, sempre sotto consiglio di un esperto, o semplicemente aumentare l’apporto di proteine nella dieta.

Le vitamine aiutano la guarigione delle ferite

Anche le vitamine sono importantissime per accelerare la guarigione delle ferite e per mantenere il corpo in salute. L’apporto di importanti vitamine e minerali spesso non è garantito solo attraverso una dieta normale, quindi si consiglia un integrazione. Questo serve anche a ridurre il rischio di trombosi e allo stesso tempo a promuovere la guarigione delle ferite.

Infine, anche l’apporto idrico dovrebbe aumentare e mantenersi intorno ai 2,5 l al giorno.

Per maggiori informazioni e per una dieta a Genova personalizzata puoi contattare la dott.ssa Ilaria Marchese qui

Nella protesi dell’anca, quando bisogna intervenire con la riabilitazione?

Se la massa cartilaginea dell’articolazione dell’anca diminuisce nel corso della vita, l’articolazione si logora e nessuna misura conservativa fornisce sollievo, allora l’ endoprotesi dell’anca è la soluzione per ritrovare maggiore mobilità e sollievo dal dolore o libertà nella persona colpita. Altri casi in cui risulta necessaria un’endoprotesi dell’anca possono essere, ad esempio, fratture che coinvolgono anche la testa del femore. La protesi d’anca è una protesi in titanio, acciaio inossidabile o cobalto, che è saldamente ancorata all’osso. Dopo un incidente o una grave artrosi, può sostituire parzialmente o completamente l’articolazione dell’anca .

La valutazione fisioterapica è molto importante per valutare la variabilità del dolore, la forza muscolare ed il movimento delle articolazioni coinvolte nel movimento.

Protesi anca nel dettaglio

Quanto è importante la fisioterapia prima e dopo l’intervento di endoprotesi d’anca?

Per un risultato ottimale e una successiva mobilità , è fondamentale iniziare la fisioterapia subito dopo l’intervento per evitare blocchi e accorciamenti dei muscoli e una riduzione della forza.

La fisioterapia per una nuova articolazione dell’anca si basa sulle fasi di guarigione, sulle linee guida mediche e sui sintomi individuali.

Nei primi giorni dopo l’operazione , su indicazione medica possono essere essenziali terapia farmacologiche con anti-infiammatori, analgesici e decongestionanti.

I principali trattamenti fisioterapici comprenderanno:

  • Linfodrenaggio (terapia decongestionante)
  • mobilizzazione attiva e passiva dell’articolazione dell’anca nelle direzioni di movimento rilasciate
  • Mobilizzazione delle articolazioni adiacenti (ad esempio le ginocchia)
  • corretto posizionamento della gamba ed educazione posturale
  • Trattamenti con il ghiaccio, crioterapia
  • Regolazione e uso corretto delle stampelle per avambraccio e allenamento dell’andatura
  • Salire le scale (suggerimento: salire prima con la gamba non operata, scendere prima con la gamba operata)

Nelle prime settimane dopo l’operazione , è importante assicurarsi che l’articolazione dell’anca che è stata operata non sia piegata troppo. La maggior parte dei chirurghi consente la mobilità dell’anca fino a 90 gradi. Pertanto, assicurati di non sederti troppo in basso e di non tirare troppo la gamba . Dovresti anche evitare di incrociare entrambe le gambe , il che significa che la gamba non deve essere posizionata o spostata oltre la linea centrale del corpo.

Un fisioterapista può aiutarti e spiegarti nel dettaglio i movimenti concessi e quelli da evitare.

Quando posso iniziare a camminare? Quando si può iniziare a sforzare di più?

Sulla base delle specifiche mediche , sarà importante elaborare un piano terapeutico individuale , tenendo conto dei sintomi del paziente, al fine di raggiungere i suoi obiettivi in modo sicuro ed efficace. Gli obiettivi della terapia sono principalmente il miglioramento della mobilità, l’incremento della forza e dell’equilibrio in dinamica. Oltre a mirate mobilizzazioni, allungamenti dei muscoli e tecniche di terapia manuale, vengono sempre più utilizzati esercizi di potenziamento. Ad esempio, è importante allenare gli estensori e gli abduttori dell’anca per consentire una posizione stabile e una camminata sicura. Naturalmente, tenendo sempre conto delle istruzioni fornite dal medico e dei sintomi.

Fase di riabilitazione a pieno carico e tardiva

Nel periodo successivo, gli esercizi e le tecniche fisioterapiche vengono continuamente aumentati e adattati allo stato attuale del paziente. Si avranno:

  • Aumento a pieno carico e rieducazione al cammino
  • Rafforzamento di tutta la muscolatura delle gambe e del tronco
  • tecniche manuali adattate all’aumento della mobilità
  • Esercizi di coordinazione (posizione con una gamba sola, equilibrio su una superficie instabile)
Esercizi rinforzo anca con elastico

Perché le visite domiciliari possono fornire il miglior supporto possibile per una nuova articolazione dell’anca?

La fisioterapia a casa fa risparmiare tempo, è più piacevole e meno “dolorosa” rispetto a fare il trattamento fisioterapico uno studio privato a genova, soprattutto dopo operazioni e infortuni. Ci si può concentrare completamente sulla terapia e non perdere alcuna energia per il viaggio. Subito dopo l’operazione, si dovrebbe evitare di sedersi troppo profondamente (flessione dell’anca), e quindi il viaggio potrebbe diventare ancora più difficile. Un altro vantaggio è che il fisioterapista può mostrare esattamente quali esercizi può fare il paziente nella sua abitazione, adattando il trattamento di fisioterapia al caso specifico.

Durata della protesi dell’anca

La durata e la vita utile di una protesi d’anca dipendono da molteplici fattori:

  • Peso corporeo: più leggero è il paziente, meno velocemente si consuma la protesi
  • Maggiore è lo stress, lo sport e il lavoro fisico, maggiore è il rischio di allentamento e abrasione dell’impianto. Gli sport con poco stress all’anca, come il ciclismo, e l’acquagym, sono ideali per mantenerti fisicamente in forma ed evitare l’eccessiva usura dell’impianto.

Fattori che aumentano la durata della protesi dell’anca:

  • Fisioterapia protratta nel tempo, continuando gli esercizi in modo indipendente e con il fisioterapista, per prevenire l’irrigidimento dell’articolazione e la tensione nei muscoli dell’anca
  • In caso di infiammazione purulenta (anche lontano dall’anca), informare il medico della sua protesi
  • Anche dopo mesi e anni dall’operazione, evitare un’eccessiva flessione dell’anca
  • Preferisci gli sport delicati senza troppo affaticamento o con troppo peso.
  • Evitare gli sport ad alto rischio come il calcio che potrebbero creare traumi.
  • Non trasportare o sollevare carichi troppo pesanti.

Questi consigli devono essere sempre supportati da una valutazione medica e fisioterapica.

Per prenotare un valutazione fisioterapica o se necessiti di un trattamento fisioterapico specifico a Genova non esitare a contattarmi.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Open chat
Chiedi consiglio al tuo fisioterapista!